Crea sito

Categoria: CRONACA Page 1 of 5

Primo giorno di scuola: non per tutti, ma va bene così

Articolo in Evidenza

Oggi è stato ufficialmente il primo giorno di scuola. Dopo gli investimenti nelle opere di edilizia scolastica e nei banchi, il Ministero ha riportato oltre 5 milioni di studenti in aula.

Al via le lezioni per 5 milioni e mezzo di studenti. Si è trattato di un primo giorno di scuola speciale. Dopo mesi di vacanze e mesi di DAD,per il coronavirus,numerosi studenti si ritrovano in presenza ad affrontare le lezioni. L’andamento della situazione scolastica sarà una grande prova per il governo che per mesi si è preparato ad affrontare la situazione.

Primo giorno di scuola, non per tutti: criticità

Oggi hanno ripreso le lezioni in 12 regioni. Nelle restanti, le lezioni avranno inizio tra un po’ di giorni (anche a causa delle elezioni). Uno dei principali problemi che le scuole affronteranno è quello della mancanza di banchi e spazi. -Sono 2,4 milioni, i banchi commissionati dal Ministero. 2 milioni sono monoposto, 400.000 sono invece quelli con le rotelle- ha replicato la ministra ieri sera da Barbara D’Urso. I banchi che non sono ancora arrivati, dovrebbero arrivare entro i primi di ottobre. Inoltre, sarebbero più di 50.000 le cattedre scoperte.

Misure precauzionali:

Il Ministero ha emanato le linee giuda generali. Si mantiene il distanziamento di un metro tra i banchi, si indossa la mascherini nei corridoi. In caso non ci fosse il metro di distanza tra i banchi, la si indossa anche durante la lezione.

Qui l’immagine con le linee guida dettagliate:

Ritorno a scuola, le linee guide del ministero - Foto Tgcom24
Fonte immagine: TG mediaset

Riapertura delle scuole in sintesi: I PRO e i CONTRO

PRO:

  • Assunzioni a tempo indeterminato di docenti e personale ATA per 50.000 cattedre.
  • 2,9 miliardi di euro per la riapertura: Il più grande investimento d’Europa nelle scuole.
  • Conferiti poteri straordinari ai Sindaci e presidenti di provincia nel campo scolastico.
  • Stanziati 330 milioni di euro per l’edilizia scolastica, distribuiti in 6.000 mila enti.
  • Con il decreto legislativo “Agosto” (decreto legge 104/2020) sono stati stanziati 100 milioni di euro per il noleggio di strutture temporanee per svolgere le lezioni.

CONTRO:

  • Mancano quasi 80.000 cattedre
  • Una piccola parte di insegnanti ha chiesto l’esonero
  • Non tutti i banchi sono arrivati entro il 12 settembre. Alcuni arriveranno ad inizio ottobre
  • In Campania scuole posticipate di 10 giorni per la mancanza di banchi
  • Alcuni dei banchi arrivati (per esempio a Roma) non rientrano nel bando lanciato dal commissario Arcuri.
  • Problemi nella gestione degli spazi

Scuola: Più di 50.000 cattedre vuote

Articolo in Evidenza

Scuola: Molti insegnanti, stanno chiedendo l’esonero in queste ore. Si parla di un ammontare di circa 50.000 mila cattedre che potrebbero rimanere vuote

Non parte bene Settembre, il mese in cui tutti gli studenti mettono da parte le vacanze per prepararsi al rientro a scuola. In realtà, alcuni studenti hanno già fatto rientro ieri (per i corsi di recupero).

L’organizzazione interna delle scuole:

Ieri è stato ufficialmente il primo giorno della riapertura delle scuole. Si sono tenuti i primi incontri (anche online) per parlare della ripartenza del nuovo anno scolastico 2020/2021. Al via, inoltre, ci sono alcuni corsi di formazione per l’emergenza sanitaria. L’obiettivo è preparare i docenti ad affrontare l’eventuale insorgere di un caso covid all’interno dell’aula o dell’istituto.

I mezzi pubblici:

La capienza dei mezzi pubblici è sempre stato un grosso problema da affrontare. Per Andrea Gibelli,presidente dell’ Associazione trasporto pubblico servono anche altre misure come la rotazione degli orari di ingresso in ufficio e smart working. Secondo lui, inoltre, il governo non può riuscire a trovare oltre 31.000 conducenti in così poco tempo. Per Gibelli, la soluzione immediata sarebbe riportare la capienza dei bus al 75%. Oggi è circa al 50-60%. Ciò, però, comporterebbe la riduzione del distanziamento. L’intervista è riportata sul corriere:https://www.corriere.it/politica/20_agosto_29/governo-non-trovera20-mila-autobus-piuaumenti-capienza-e528aac8-e962-11ea-a9ca-79a6b2bfb572.shtml

Drastico calo delle cattedre:

Un altro problema molto importante è quello delle cattedre vuote. il principale obiettivo è far ripartire le lezioni con l’insegnate in cattedra. Secondo le anticipazioni degli uffici scolastici regionali raccolte dai sindacati la situazione è drammatica. In Campania mancano oltre quattrocento prof di italiano. in Puglia 250 di matematica. In Piemonte è stato riempito solo il 24 per cento delle 6mila cattedre. Nonostante l’ultime assunzioni da parte del Ministero dell’Istruzione, mancano ancora molte cattedre.

Ci sarebbero 753 mila supplenti pronti a salire in cattedra. Però, le graduatorie provinciali non lo permetterebbero entro quest’anno scolastico.

Segui la pagina twitter: https://twitter.com/ForumOpinions

L’uragano Laura raggiunge categoria 4

Articolo in Evidenza

Inizia a spaventare l’uragano Laura. Avendo raggiunto categoria 4, mette in serio pericolo il Sud degli Stati Uniti

Lo si ritiene estremamente pericoloso. L’uragano Laura, infatti, si sta sempre più avvicinando al Sud degli Stati uniti. Dovrebbe colpire il Texas e la Louisiana nella notte. Al momento, dispone già di venti molto forti: Si tratta di correnti che superano i 185 km/h.

La potenzialità e i danni che infliggerà:

Un uragano di questa portata è definito catastrofico. Per gli esperti, chi abita nelle aree che Laura dovrebbe toccare non c’è altra soluzione che evacuare, a prescindere dalle preoccupazioni per il Coronavirus. Tanto che è già stato ordinato a 600 mila persone di abbandonare le proprie case nelle zone lungo la costa del Golfo: si tratta dell’evacuazione maggiore negli Usa durante la pandemia.

I danni stimati, sono notevoli. Le perdite economiche dei due stati coinvolti, secondo le stime, ammonterebbero a 20-25 miliardi di dollari. Le aree più a rischio sono quelle confinanti, tra Texas e Louisiana. Sono comprese le città texane di Beaumont, Galveston, Port Arthur e le parrocchie di Calcasieu e Cameron, nel sud-ovest della Louisiana, dove i meteorologi hanno detto che l’ uragano potrebbe sommergere intere comunità.

L’uragano Laura ha già mostrato le sue criticità:

Il transito dell’uragano ha causato danni in Cuba. Si parla di oltre 2000 abitazioni distrutte. Ha inoltre danneggiato un’elevatissima quantità di terreno agricolo e, infine, ha creato danni all’elettricità. E non solo. “Le autorità haitiane hanno reso noto che il passaggio sull’isola della tempesta tropicale Laura ha causato la morte di almeno 21 persone, mentre altre cinque sono per il momento considerate disperse”.

News ultimo momento:

L’uragano continua ad acquisire potenza, con venti sostenuti di 240 chilometri orari, secondo il National Hurricane Center, vicino alla soglia di 252 chilometri orari che lo porterebbe a categoria 5. Oltre 103 mila case sono già senza elettricità

Candidato si definisce antisemita, naziskin e omofobo, è bufera

Articolo in Evidenza

-Candidato si definisce antisemita, naziskin e omofobo: Sotto le elezioni, il candidato Sindaco di Fondi ha fatto delle esternazioni shock, richiamando odio e razzismo-

Si tratta di Cristian D’Adamo, candidato per la città di Fondi in provincia di Latina.

Elezioni comunali:

Nella provincia di Latina sono solamente due i comuni che andranno al voto il 20 e 21 Settembre: Fondi e Terracina. Fondi, dopo la positiva esperienza decennale del sindaco De Meo, i candidati pronti a succedergli sono sei, sostenuti da 16 tra forze politiche e liste civiche. Il sindaco facente funzione, il medico di base Beniamino Maschietto, è sostenuto da un autentico esercito: i 136 candidati, cui si sono aggiunti tutti gli assessori in carica.

Il comportamento razzista e antisemita di Cristian D’Adamo:

Cristian D’Adamo, con la maglia del duce

A Fondi, alla vigilia delle elezioni, Cristian D’Adamo avrebbe pubblicato questa foto. L’Anpi (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia) ha chiesto le immediate dimissioni del candidato Cristian d’Adamo, lista Mastrobattista sindaco. D’Adamo sulla sua biografia Facebook si definisce naziskin, omofobo, xenofobo, antidemocratico, anticostituzionale, anticomunista e antisemita e pubblica foto che non lasciano spazio a interpretazioni.

«Come se non fosse abbastanza, dichiara l’Anpi, il candidato ha condiviso immagini e battute a tema razzista ed antisemita. A questo punto chiediamo a Mastrobattista di prendere una posizione netta ed in linea con la sua formazione politica. Chiediamo inoltre, l’immediata espulsione del candidato in questione, in quanto totalmente incompatibile a livello ideologico e morale con la carica per cui compete».

La risposta del candidato Sindaco:

Gli esponenti del suo partito si sono schierati contrari a qualunque forma di odio. Il candidato Sindaco, in particolare, ha preso le distanze dagli estremisti. «Siamo contrari – ha detto – a qualsiasi atto che vada contro ai principi della Costituzione, coniata su specifici valori». Nonostante ciò, però, il candidato non è ancora stato espulso. Attendiamo.

Segui il canale Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCKkqfVXXgLsChe6-TWQwA9A?view_as=subscriber

Segui la pagina Twitter: https://twitter.com/ForumOpinions

Tromba d'aria nei pressi del Salento

Tromba d’aria nel Salento, 5 feriti e danni

Articolo in Evidenza

-Una tromba d’aria si è ieri abbattuta nel Salento. In particolare, ha colpito la spiaggia di Pescoluse. C’è stata molta paura tra i bagnanti e, soprattutto, ci sono stati 5 feriti-

Tromba d’aria a Marina di Salve (25 Agosto):

L’accaduto risale a ieri. Era una normalissima giornata. Secondo i bagnanti, nel primo pomeriggio la tromba d’aria sarebbe partita dal parcheggio della spiaggia di Pescoluse. Avrebbe poi seminato il panico e “sradicato” dalla sabbia ombrelloni. << Abbiamo visto ombrelloni e materassini che volavano via a 3 metri, abbiamo sentito ambulanze subito, non sappiamo se ci sono feriti >>, riportano alcune testimonianze. Sulla spiaggia vi erano decine e decine di bagnanti.

I feriti sono stati portati all’ospedale di Tricase:

I feriti sono stati 5. Sono stati tutti portati all’ospedale di Tricase. Tra questi, i più gravi sembrano una ragazza di 21 anni e un uomo di 56 anni. Quest’ultimo, gestore dell’Hotel, è stato colpito al cranio da un pezzo di legno e presenta contusioni marcate. Il resto dei feriti, fortunatamente, non riporta gravi lesioni.

Aumentano le trombe d’aria in queste zone:

In provincia di Palermo. il 5 Agosto si è formato un vortice nei pressi della costa palermitana.

Molta gente è uscita dall’acqua in fretta e furia per sfuggire al mini tornado. La tromba d’aria ha poi esaurito la sua forza avvicinandosi alla costa e alla strada. Non si sono registrati feriti o danni.

Sulla costa del litorale pontino: Paura a San Felice Circeo:

A San Felice Circeo, invece, non ci sono stati feriti. Nonostante ciò, la paura è stata molto alta tra i bagnanti.

Era circa l’una quando il vortice è stato visto da numerosi bagnanti che affollano il lungomare gettonatissimo durante le giornate d’estate, specialmente ad agosto. È successo tutto in una manciata di minuti, mentre il personale degli stabilimenti metteva in sicurezza ombrelloni, sdraio e altre attrezzature e i bagnanti si allontanavano dall’arenile uscendo dall’acqua.

Segui la pagina Twitter per rimanere aggiornato: https://twitter.com/ForumOpinions

Bici e auto sono più utilizzate dei Bus grazie al Covid

Articolo in Evidenza

Bici e auto sono più utilizzate dei Bus. Una notizia, a dir poco sorprendente. Questo perché, grazie anche ai vari bonus, sarà favorita la mobilità sostenibile che influirà positivamente sull’impatto ambientale

In Italia, durante l’emergenza e “fuori” dall’emergenza bici e auto sono molto più utilizzate dei bus.La maggior parte degli italiani, infatti, ha dichiarato di usare la propria bici molto di più dei mezzi pubblici. Una conferma di quello che già dalla fine del lockdown appariva essere lo scenario più probabile è arrivata da una ricerca condotta della società di consulenza Bcg, secondo la quale potremmo essere all’inizio di una nuova mobilità. Secondo la ricerca “How Covid 19 will shape urban mobility“, che ha coinvolto 5.000 abitanti delle principali città negli Stati Uniti, Cina ed Europa occidentale (Italia, Francia, Germania, Spagna e Regno Unito), il 37% degli italiani ha dichiarato di utilizzare molto meno di prima i mezzi pubblici, preferendo piuttosto la propria auto, la bici o le camminate.

Immagine decorativa delle bici in centro città

Nel post Covid si pedala di più:

Nel post Covid, bici e auto sono diventate le più utilizzate per gli spostamenti. Esaminando la situazione generale, spostiamoci in Francia e Germania.

Come riportato sul sito Bikeitalia.it, durante il periodo di quarantena sono aumentate le infrastrutture ciclabili pop-up (si tratta di strutture ciclabili efficaci, a basso livello economico che richiedono brevi tempi burocratici per la progettazione). In Francia, durante l’emergenza, l’utilizzo dei mezzi a due ruote è aumentato del 27 %. In Germania, invece, la bicicletta è un mezzo quotidiano. Secondo una ricerca riportata dallo Spiegel, il 12 Aprile si è raggiunto il picco del suo utilizzo, con una media nazionale di tempo speso su una bicicletta pari a 14 minuti a persona, contro 12 minuti in auto.

Boom di vendite: In Italia la vendita delle bici supera il 60%

All’aumento della mobilitazione, segue anche quello delle vendite. In Italia per esempio, il mercato delle bici del 2019 ha segnato il 7% in più rispetto al 2018.

Nel 2020, a Maggio, c’è stato un vero e proprio boom di vendite. A fine lockdown , si registrano 540.000 mila bici vendute. Si tratta di 200 mila bici in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Si tratta di un incremento del 66,6 %.

Focolaio al Billionaire: Il gestore Attaccava le misure di restrizione

Articolo in Evidenza

Focolaio: Sono 52 i positivi. Il locale aveva contestato le misure adottate dal Governo Conte II

Continuano un po’ ovunque a salire i casi di contagio da Coronavirus. Sono stati diversi i focolai scoppiati. Uno di questi al Bilionaire. In particolare  il locale di Porto Cervo di proprietà di Flavio Briatore. Secondo i tamponi effettuati, come riporta il quotidiano L’Unione Sarda, nella tarda serata di ieri è arrivato l’esito dei tamponi effettuati dall’Ats nei giorni scorsi: Gli infetti, sono 52. Soprattutto fra il personale.

I positivi, dopo il 17 Agosto, erano 6. Successivamente il numero dei contagi è salito a 11 e 50 persone del personale e non, si erano messe in auto-isolamento.

Lamentele contro il governo e “karma” ?

L’imprenditore Flavio Briatore, si è da subito schierato contro il governo e, soprattutto, contro le misure di restrizione adottate. “Il divertimento estivo non ha provocato tutti questi danni“, diceva una settimana fa. In un’ intervista riportata su Adnkronos, il gestore dichiarava che a Roma il Governo cercasse solamente un “capro espiatorio simbolico” e che lo avevano trovato nelle discoteche. “Per come la vedono loro, sembra che il virus si aggiri solo di notte”, continua. Infine termina con: “A questo punto speriamo arrivi una Troika e ci levi di mezzo questo governo perché sicuramente andrà solo peggio”.

Dopo aver tuonato contro il governo ha, inoltre, attaccato anche il Primo cittadino del suo comune (Arzachena). Lo ha definito come “un altro grillino contro il lavoro“.

Il Sindaco di Arzachena ha così stoccato l’imprenditore: “È finito il tempo delle polemiche, grazie a tutti coloro che mi hanno mostrato solidarietà e sostegno. Ora, badiamo agli argomenti seri. Ci sono nuovi contagi e dobbiamo ancora di più stare attenti e vigilare. È possibile fare turismo in questa situazione, ma nel rispetto delle regole e del prossimo.”

Dopo le numerosissime polemiche anche il gestore è risultato positivo. In questo momento è ricoverato nel reparto Malattie infettive dell’Aou di Sassari. L’uomo accusa gravi sintomi della malattia, è sotto osservazione dei vari specialisti ed è sottoposto ad alti flussi di ossigeno. Sono ancora in corso, invece, i tamponi per i 150 dipendenti del camping Isuledda di Cannigione, dove quattro ospiti sono risultati positivi.

Segui la pagina twitter: https://twitter.com/ForumOpinions.

Crisi per l’affitto: Colpita 1 famiglia su 4

Articolo in Evidenza

Crisi per l’affitto: Il periodo di lockdown non ha portato solo problemi sanitari ma anche problemi economici. 1 famiglia su 4 ha ritardato nel pagamento

La crisi mondiale del Coronavirus ha particolarmente influito in tre ambiti. Sicuramente quello sanitario, quello ambientale e quello economico-sociale. Basti pensare all’incremento dei rifiuti abbandonati: mascherine, guanti e altri dispositivi di protezione individuale (DPI) potrebbero finire nei mari.

Per questo si è pensato ad un metodo per trasformare i rifiuti in biocarburante (approfondisci: https://www.futurepaper.it/rifiuti-covid-19/).

Ritorno economico delle famiglie in difficoltà:

Sarebbe da definire una vera e propria “Crisi per l’affitto”. L’emergenza ha messo a dura prova tutte le famiglie, non solo in Italia, ma in tutto il Mondo. Addirittura, 1 famiglia su 4 ha avuto ritardi nel pagamento degli affitti e nei prossimi mesi ben il 40% delle famiglie che vivono in affitto si ritiene avrà difficoltà a pagare il canone.

Visti i disagi che il Covid 19 ha causato, al fine di andare incontro alle famiglie, il Governo ha attuato alcune riforme.

TUTELA DEI LAVORATORI E CONCILIAZIONE LAVORO FAMIGLIA:

Da http://www.governo.it/it/dl-rilancio.

Nel Decreto Rilancio, il Governo ha previsto alcuni agevolamenti per tutte le famiglie maggiormente colpite dalla crisi. In particolare, gli art. 75, 78, 84, 85, 98 forniscono una indennità di sostegno al reddito.

Cosa hanno fornito (in breve):

  • Liberi professionisti e collaboratori coordinati continuativi (co.co.co): Si tratta di un indennità di 600 euro ai liberi professionisti e ai collaboratori coordinati continuativi (co.co.co). Questo è avvenuto sia per Marzo che per Aprile.
  • Liberi professionisti iscritti alla gestione separata INPS: Ai liberi professionisti titolari di partita IVA e iscritti alla gestione separata INPS, non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, sono stati erogati 1000 euro. Questo nel caso in cui le perdite fossero state almeno del 33 % di reddito nel secondo bimestre.
  • Lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali AGO:Ai lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell’Assicurazione generale obbligatoria (AGO) già beneficiari per il mese di marzo 2020 dell’indennità pari a 600 euro, è stata erogata la medesima cifra anche per Aprile.
  • Lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali: Ai lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali già beneficiari per il mese di marzo 2020 dell’indennità pari a 600, la stessa è stata erogata per Aprile. A Maggio, invece, sono stati erogati 1000 euro.
  • Lavoratori del settore agricolo: Ai lavoratori del settore agricolo già beneficiari per il mese di marzo dell’indennità pari a 600 euro, è erogata per il mese di aprile 2020 un’indennità di importo pari a 500 euro.

N.B: L’articolo è generale. Per vedere tutte le informazioni nel dettaglio, clicca il link di sopra.

Segui la pagina twitter: https://twitter.com/ForumOpinions

Perché la Spagna è in cima alla classifica dei contagi ?

Articolo in Evidenza

Perché la Spagna è in cima alla classifica dei contagi da Coronavirus ? Secondo gli esperti, la situazione è anomala e preoccupante

Le prospettive un po’ per tutti i paesi europei, non sembrano buone. Sopratutto con il rientro dalle vacanze per chi le ha passate fuori dal proprio Stato. Con l’ hashtag #unaestrategiaintegral , una trentina di esperti in settori multidisciplinari come la salute, la virologia, l’economia o l’evoluzione, tra gli altri, sostengono una visione olistica, globale, preventiva, complementare alle azioni intraprese e, soprattutto, globale .

La situazione:

In tutta Europa si sta assistendo ad un incremento delle positività. Secondo l’articolo su The Conversation, l’Italia è il paese che vanta la miglior gestione dell’emergenza. L’ultimo bollettino, infatti, mostra che in Italia i nuovi casi di contagio sono 947 e 9 invece i deceduti.

Secondo gli esperti spagnoli, l’Italia potrebbe essere un esempio da seguire.

<< Le cause non sono chiare. Se escludiamo che i suoi cittadini, i suoi giovani, siano più responsabili che nel resto dell’UE, un aumento del numero di screening CRP randomizzati e mirati, il rafforzamento della salute o forse il fatto che rimangano in stato di emergenza fino a il prossimo 15 ottobre – qualcosa di simile al “comando unico” stabilito in Spagna il 14 marzo e che abbiamo smantellato a maggio – potrebbe indicare la via da seguire >>.

Contagi:

Secondo le ultime rivelazioni della Johns Hopkins University, che risalgono al 14 Agosto, la Germania avrebbe segnalato 7.000 casi. anche in Francia si sarebbero segnalati molti casi, circa 13.000. In Spagna, però, nello stesso periodo di tempo l’istituto avrebbe registrato poco più di 27.000 casi.

Situazione preoccupante:

La maggior parte dei casi in Spagna, secondo gli esperti, si sarebbe registrata nei più giovani. L’età media è infatti di 35 anni. Il Ministero della Salute ha definito 11 nuove misure restrittive che si traducono nella necessità di allontanamento sociale – fondamentale, anche se a scapito di parte del tessuto imprenditoriale – controllo del rispetto delle misure di tutela nelle aziende e azioni urgenti nel rafforzare l’assistenza primaria, assumere tracker ben addestrati e altre misure su cui abbiamo già influenzato.

Casi Coronavirus nei principali stati dell’UE. Si riferiscono all’intera settimana. Fonte: https://who.maps.arcgis.com/apps/opsdashboard/index.html#/ead3c6475654481ca51c248d52ab9c61

Segui la pagina twitter: https://twitter.com/ForumOpinions

L’Aquila è candidata a Capitale italiana della cultura per il 2022.

Articolo in Evidenza

Capitale italiana della cultura: L’Aquila ha lanciato la sua candidatura per il 2022

il Ministero per i Beni e le attività Culturali ne ha approvato la candidatura. Come sarà selezionata la Capitale ?

La giuria che selezionerà le città alle fasi successive è commissionata dal Ministero per i Beni e le attività Culturali. Passeranno in finale 10 città, entro il 12 ottobre. Successivamente, il 12 Novembre alla città vincitrice sarà, dal Ministro, conferito il titolo di Capitale italiana della cultura.

Una proposta solida, in grado di dimostrare tutti i pregi del territorio- ha detto il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, alla consegna del dossier di candidatura della città dell’Aquila a Capitale italiana della Cultura per il 2022. Il capoluogo d’Abruzzo si era già candidato per il 2021, ma la procedura è stata prorogata di un anno per il Covid.

Infine, visti i 5 miliardi per il turismo inclusi nel Decreto Rilancio, queste saranno sicuramente occasioni che favoriranno lo sviluppo della città e del settore.

Page 1 of 5

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén