Prevenire la prossima pandemia rallentando la deforestazione può essere davvero un passo in avanti. Quanto costerebbe ?

Lo studio pubblicato su TheConversation, pone attenzione su due temi particolari: la pandemia e la deforestazione. Sappiamo che entrambi costituiscono un pericolo per la nostra salute e per la Terra. In un recente articolo, un team di scienziati, biologi e ambientalisti ha proposto una serie di iniziative fruttuose. Al fine di prevenire future pandemie, ciò impiegherebbe delle spese per programmi che riducano la deforestazione e le cacce selvatiche.

La ricerca e i costi:

Les Kaufman, professore di biologia all’università di Boston e autore della ricerca, ha parlato delle pandemie e come potremmo prevenirle. L’autore si è impegnato nel comporre un team di esperti che potesse rispondere alla domanda: ” Possiamo sopprimere l’emergere di agenti patologici pandemici ?”

Basti pensare che il Covid-19 ha mobilitato oltre decine di trilioni di dollari, a livello globale. Gli esperti propongono di concentrare dai 22 a 30 miliardi di dollari all’anno in programmi. Che tipo tipo di programmi ? Programmi che impediscano la diffusione di epidemie provenienti dalle foreste tropicali.

Quali tipi di malattie riguardano lo studio ?

Lo studio si è concentrato sulle zoonosi. Si tratta di malattie che possono giungere all’uomo per mezzo degli animali (clicca qui per approfondire). Proprio il Coronavirus ne è un esempio. Le deforestazioni stanno procedendo a ritmi via via più intensi. Quindi le foreste “arretrano” e le persone vanno nelle foreste con lo scopo di cacciare. Dopo aver catturato animali selvatici come pipistrelli, li portano nei mercati. Qui, gli animali selvatici sono a stretto contatto con quelli domestici. Ed è così che il virus entra in noi:direttamente dalla fauna selvatica o dal bestiame che abbiamo messo in stretta vicinanza alla fauna selvatica infetta. Molti virus perciò provengono direttamente dalla fauna selvatica di cui l’uomo ne distrugge gli habitat.

In cosa verrebbero spesi i soldi e come dovrebbe agire i governi:

Nello studio, è stato più volte stimato il costo che porterebbero tre punti principali del programma:

  • Arresto della deforestazione;
  • Stop alla vendita selvaggia;
  • Attenuazione delle incursioni nelle foreste;

Se questi punti venissero realizzati, comporterebbero una spesa di circa 30 miliardi all’anno. Questi sarebbero “spiccioli” in confronto alle decine di trilioni spesi per le pandemie, ecco perché la ricerca è così importante. Il vantaggio del progetto, però, sta anche nel consentire alle popolazioni che vivono ai margini della società di avere una vita dignitosa. In particolare tutelarne la salute, ricevere un’educazione e permetterne l’accesso alle istituzioni sanitarie in quanto ne costituisca un diritto. Evitare le deforestazioni consentirebbe anche maggiore assorbimento di anidride carbonica. Questo, favorirebbe anche il clima.

Guarda lo studio completo: https://theconversation.com/video-slowing-deforestation-is-the-key-to-preventing-the-next-pandemic-but-what-does-that-cost-143411

Segui il canale twitter: https://twitter.com/ForumOpinions