-La legalizzazione della cannabis è un tema importante : porterebbe guadagni sostanziosi alle casse dello Stato-

La legalizzazione della cannabis è un tema di interessamento comune. Tutte le forze politiche hanno attraversato un dibattito. Oltre 1700, gli emendamenti portati alla camera.

Ma prima di tutto: Cos’è la cannabis ?

La cannabis è una pianta appartenente alla famiglia delle Cannabaceae (angiosperme) di altezza compresa tra 1,5 e 6 m. Ha origine in Asia Centrale ed era etichettata fra gli Hindu come “bhanga“. Successivamente si è diffusa nel resto del Mondo. Alcune risoluzioni scientifiche, però, ritengono fosse arrivata in America prima di Colombo in quanto furono trovati residui di cannabis nei resti del mummie in Perù (1500 Ca.).

In passato la coltivazione agricola della canapa era molto diffusa nelle zone medio-europee, per la sua facilità a crescere anche su terreni difficili da coltivare con altre specie di piante (terreni sabbiosi e zone paludose nelle pianure dei fiumi), e per la grande quantità di prodotti che se ne ricavavano: soprattutto fibre tessili, carta e corde dai fusti, olio dalla spremitura dei semi, e mangime e altri prodotti commestibili per il bestiame produttivo dalle foglie e dai semi. Durante i secoli del trionfo della vela e delle conquiste marittime europee la domanda di tele e cordami assicurò la straordinaria ricchezza dei comprensori la cui fertilità assicurava le canape di qualità migliori per l’armamento navale.

La cannabis proibita nel commercio :

Negli anni trenta la tecnologia eco-sostenibile della canapa appariva quindi in grado di fornire materie prime a numerosi settori dell’industria. D’altronde, in quegli anni il magnate dell’automobile Henry Ford costruì un prototipo di automobile (la cosiddetta Ford Hemp Body Car) in cui una parte della carrozzeria era realizzata in fibra di canapa rendendo così l’auto molto più leggera della media delle auto allora diffuse. Per motivi estremamente commerciali, quindi, la cannabis venne dichiarata illegale per la prima volta nel 1936 negli Stati Uniti con la  “Marijuana Tax Act“, a firma del presidente Franklin Delano Roosevelt .

Pian piano, ogni paese adottò la sua linea di pensiero. In Italia è legale solo a scopi terapeutici (per maggiori informazioni sulla storia della cannabis, consunta https://it.wikipedia.org/wiki/Cannabis .

Cannabis ligth: Consiglio Superiore della Sanità ha riaperto il dibattito sulle infiorescenze della canapa con Thc inferiore allo 0,6%.

  • La cannabis light è una branca della marijuana che si ottiene dalle infiorescenze ‘femminili’ della ‘canapa sativa’.
  • È composta da un basso contenuto di THC e da un’alta percentuale di CBD.
  • Non ha effetti stupefacenti. Il suo principio attivo, comune alla marijuana, è compreso tra 0,2-0,6 %. Valori troppo bassi per produrre effetti stupefacenti.
  • Può essere utilizzata per scopi terapeutici. Il CBD (cannabidiolo) ha effetti rilassanti e sedativi in una quantità compresa fra l’8 e il 15 %.

DIBATTITO POLITICO E SONDAGGI IPSOS:

Secondo alcuni sondaggi ipsos, il 73 % degli italiani sarebbe favorevole alla legalizzazione della cannabis. Attualmente sono state fatte alcune proposte di legge che riguardano la legalizzazione. Secondo alcune, i maggiorenni potranno detenere una modica quantità di cannabis per uso personale. 15 grammi in casa e 5 grammi all’esterno. Divieto assoluto per i minorenni. Importanti saranno anche i cannabis Social Club: agli over 18 residenti in Italia sarà consentita la coltivazione in forma associata in enti senza fini di lucro (fino a 50 membri). La vendita sarà limitata.

l sottosegretario agli esteri Benedetto Della Vedova, fra i responsabili dell’intergruppo parlamentare ‘cannabislegale’: «Il nostro obiettivo è proprio quello di legalizzare nel modo migliore possibile, valutando in modo pragmatico e non ideologico tutti gli aspetti della questione». Contro, Maurizio Gasparri (FI): «Gli invierò i testi di Paolo Borsellino e di Nicola Gratteri che spiegano perché si debba essere contrari alla legalizzazione della cannabis. Cantone dimostra incompetenza e irresponsabilità. Il tema comunque divide gli schieramenti politici: il progetto di legge è firmato da esponenti Pd, M5s, Sel, Misto ma anche Fi e Scelta Civica. Nessuno sostegno al momento dalla Lega.

La cannabis può costituire un forte incremento per le casse statali. Non presenta, in quantità prescritte, nessun pericolo alla vita e per questo insistiamo, affinché venga legalizzata.

LINK ESTERNI:

Maggiori informazioni sulle proprietà: https://www.lapresse.it/cronaca/composizione_effetti_e_regole_tutto_quello_che_c_e_da_sapere_sulla_cannabis_light-80389/news/2018-06-22/

Maggiori informaioni sulla politica e dibattito:

https://www.legalizziamo.it/legalizzazione-della-cannabis-punto/

Seguici su Twitter, Instagram e Facebook: